Indoloammina 2,3-diossigenasi (IDO) risposta immunitaria

Comment

Altri articoli

Indoloammina 2,3-diossigenasi (IDO) risposta immunitaria

Un enzima come l’indoloammina 2,3-diossigenasi (IDO) influenza la risposta immunitaria, si tratta di una sostanza che viene espressa in diverse cellule immunitarie, in particolare inibisce la risposta delle cellule T effettrici e tende a stimolare la degradazione dell’amminoacido essenziale triptofano attraverso la via della chinurenina. La capacità di convertire l’aminoacido essenziale triptofano in chinurenine conferisce all’enzima la possibilità di limitare la risposta immunitaria sia causando la deplezione dal microambiente di triptofano, una sostanza indispensabile perla proliferazione el’espansione dei linfociti T, ma allo stesso modo si attiva la produzione di metaboliti che possono causare l’apoptosi dei linfociti T. Da diversi studi è stata esaminata la funzione di tale enzima, in particolare uno studio ha indagato la funzione di IDO in cellule dendritiche normali e leucemiche, nello specifico l’espressione dell’enzima in cellule dendritiche normali ha consentito di osservare che, quando immature, IDO è poco espresso, mentre durante la maturazione l’enzima viene up-regolato. L’incremento nell’espressione di IDO è associato alla qualità dello stimolo maturativo, inoltre l’espressione di indoloammina 2,3-diossigenasi risulta essere direttamente proporzionale alla produzione di chinurenine, all’inibizione della proliferazione dei linfociti T ed all’induzione dei linfociti T regolatori. Per altre notizie si rimanda alla lettura http://amsdottorato.unibo.it/2836/.

Cellule dendritiche

Indoloammina 2,3-diossigenasi (IDO) risposta immunitaria

Indoloammina 2,3-diossigenasi (IDO) risposta immunitaria

Esaminando l’espressione di IDO in cellule dendritiche leucemiche si è potuto osservare che IDO è determinato ad un livello intermedio nelle cellule dendritiche leucemiche non mature e viene up-regolato nella fasedella maturazione. L’espressione dell’indoloammina 2,3-diossigenasiin cellule dendritiche leucemiche determina come conseguenza diretta l’attivazione di una popolazione di linfociti T regolatori capaci di limitare la risposta CD4+ e la risposta CD8+ anti-leucemica, ma sono anche in grado di inibire la maturazione di altre cellule dendritiche. In conclusione, lo studio ha evidenziato che nelle cellule dendritiche normali, IDO rappresenta un meccanismo tollerogenico la cui intensità di espressione è associata alla stessa intensità dello stimolo che fa da controbilanciamento. Nelle cellule dendritiche leucemiche questo enzima rappresenta un meccanismo di tumor-escape in grado di bloccare l’attivazione di cellule dendritiche, linfociti CD4+, linfociti CD8+.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.