Esami di controllo ematici: conta dei globuli bianchi

Comment

Approfondimenti

Esami di controllo ematici: conta dei globuli bianchi

Nel quadro degli esami di controllo ematici, la conta dei globuli bianchi è una componente dell’emocromo utile per valutare le condizioni del soggetto che mostra segni e sintomi che possono far ipotizzare l’eventuale quadro patologico che determina un’alterazione dei valori dei leucociti, come infezioni, infiammazioni o tumori. Si effettua l’analisi morfologica ed il conteggio dei leucociti per ottenere diverse informazioni utili per formulare con maggiore sicurezza patologie che possono colpire i globuli bianchi che determinano alterazioni relative alla produzione ed alla sopravvivenza di queste cellule ematiche. Inoltre si esegue la conta dei globuli bianchi durante l’emocromo per monitorare la progressione di patologie ematologiche ma anche la reazione dell’organismo sottoposto ad uno specifico trattamento terapeutico; questo esame di laboratorio consente infatti di monitorare un paziente sottoposto a radioterapia oppure a chemioterapia, dei trattamenti che danneggiano i globuli bianchi o compromettono la loro sopravvivenza. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura di: https://www.my-personaltrainer.it/salute/leucopenia.html.

Quali altri esami si eseguono

conta dei globuli bianchi

conta dei globuli bianchi

La conta dei globuli bianchi permette di quantificare il numero totale dei leucociti nel sangue rappresentando uno dei test inclusi nella conta completa delle cellule del sangue ossia dell’esame emocromocitometrico, che si esegue con un normale prelievo di sangue da una vena del braccio o mediante una puntura del dito o del tallone (neonati). La conta differenziale permette di rilevare le anomalie dei valori ematici, registrando al tempo stesso quale tipo di globuli bianchi risulta essere amentato oppure ridotto, si esegue invece lo striscio di sangue e/o la biopsia del midollo osseo per ottenere dei dati più precisi con lo scopo di scoprire il gruppo di globuli bianchi che presenta un’anomalia. Per valutare attentamente lo stato di salute del paziente è importante raccogliere diversi dati quali la storia clinica ed i risultati di altri esami medici quali: formula leucocitaria che fornisce la conta differenziale dei globuli bianchi; analisi dello striscio di sangue; dosaggio degli indici infiammatori di tipo ematico; test degli anticorpi anti-nucleo (ANA); esame del midollo osseo; test allergologici; esami colturali tra cui l’urinocoltura e l’emocoltura.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.