Cellule dendritiche macrofagi specializzati

Comment

Approfondimenti

Cellule dendritiche macrofagi specializzati

Si può classificare un sesto tipo di leucociti composto dalle cellule dendritiche, che a differenza degli altri gruppi di globuli bianchi non sono presenti nel circolo ematico, ma il loro compito per il sistema immunitario è comunque importante visto che si tratta di macrofagi specializzati che si trovano nei vari tessuti e prendono dei nomi diversi in base alla loro localizzazione nei vari distretti del corpo umano. Le cellule dendritiche costituiscono dunque una categoria eterogenea di cellule che hanno origine da precursori midollari, esse sono presenti principalmente nei tessuti a contatto con l’ambiente esterno, soprattutto a livello della pelle, dove si trova un particolare tipo di cellula dendritica chiamata Cellula di Langerhans; questo genere di cellula è presente in altri distretti del corpo quali: nel rivestimento interno del naso, nei polmoni, nello stomaco, a livello dell’intestino. Oltre ad essere deputate a catturare gli antigeni, queste cellule possono internalizzare l’antigene e processarlo per la sua presentazione ai linfociti T, oppure possono conservarlo sulla loro superficie in forma nativa rendendolo così disponibile ai linfociti B specifici. In caso di attivazione le cellule dendritiche migrano nei tessuti linfoidi dove interagiscono con le cellule T e le cellule B per avviare la risposta immunitaria adattativa, il loro compito è quello di controllare le superfici corporee fagocitando i patogeni invasori in questo modo possono presentare l’antigene attivando la risposta immunitaria dei linfociti.

Altre funzioni di competenza delle cellule dendritiche

cellule dendritiche

cellule dendritiche

In quanto macrofagi specializzati le cellule dendritiche sono in grado di scatenare una riposta immunitaria di grande ausilio per la difesa contro agenti infettivi e per la difesa antitumorale, ma prendono parte anche nei fenomeni di contrasto dello sviluppo di malattie autoimmuni che si esplica attraverso una cattiva  presentazione ossia mediante una presentazione degli antigeni da parte di cellule dendritiche non funzionali, non provoca una risposta determinando così una tolleranza immunitaria verso questi antigeni.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *