Blasti patologici leucemie

Comment

Altri articoli

Blasti patologici leucemie

Il quadro clinico delle leucemie acute dipende dall’alta concentrazione di blasti patologici che si accumulano a livello del midollo osseo, questa alterazione determina il danneggiamento della differenziazione e proliferazioni delle normali filiere ematopoietiche da cui si generano le seguenti cellule ematiche: eritrociti, leucociti, megacariociti. Nello specifico i blasti rappresentano delle cellule immature, presenti nel midollo osseo, le diverse cellule midollari presentano delle caratteristche morfologiche tipiche che si riscontrano a partire dai nuclei che danno forma alle seguenti cellule: mieloblasti (che si differenziano in eritrociti ed granulociti neutrofili); linfoblasti, da cui si originano le cellule del sistema linfocitario; megacarioblasti, che si differenziano in megacariociti, dai cui si originano le piastrine. In condizioni normali i blasti producono regolarmente queste filiere ematopoietiche, invece si registra un aumento nel sangue midollare e nel sangue venoso periferico se il soggetto viene interessato da sindromi mielodisplasiche, in tal caso il numero di blasti midollari non supera il 20%, se si supera questa soglia si va incontro alla diagnosi di leucemie acute. Per altre informazioni si rimanda alla lettura di: http://www.hsr.it/clinica/specialita-cliniche/ematologia-e-trapianto-midollo-osseo/sindromi-mielodisplastiche-smd/.

Diagnosi di leucemia

blasti patologici

blasti patologici

Quindi in caso di leucemia, le cellule immature non riescono a concludere in maniera normale il processo di trasformazione che le porta a diventare adulte e così finiscono per accumularsi in forma immatura nell’organismo. I blasti patologici soggetti ad aumento non sono in grado di originare le normali cellule mature andando incontro ad una proliferazione smodata a causa del processo di espansione clonale a cui si associa una ridotta capacità differenziativa. Per formulare la diagnosi di leucemia mieloide acuta si prende in considerazione principalmente il numero e le caratteristiche dei blasti nelle tre filiere delle cellule ematiche, in base a dei precisi criteri forniti dalla Organizzazione mondiale della sanità si pone la diagnosi di leucemia acuta mieloide se si rileva il 20% di blasti nel midollo osseo o nel sangue periferico.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.