Anemia aplastica quadro patologico

Comment

Approfondimenti

Anemia aplastica quadro patologico

In presenza della riduzione numerica di tutte le cellule del sangue si evidenzia una condizione di pancitopenia che espone il soggetto allo sviluppo dell’anemia aplastica, una malattia del midollo osseo che determina un calo del numero di globuli rossi, di globuli bianchi e di piastrine come conseguenza della riduzione del numero di cellule staminali ematopoietiche e della loro capacità di produrre le cellule mature del sangue. Il midollo osseo può essere colpito da carenze come conseguenza diretta di diversi fattori tra i quali spiccano principalmente tre fattori quali: un difetto a carico delle cellule staminali; un blocco immuno-mediato della proliferazione e della differenziazione ematopoietica; un danno al microambiente midollare connesso a malattie immunitarie, ad infezioni oppure all’esposizione ad agenti fisici o soatanze chimici. L’anemia aplastica dipende da diversi fattori eziologici che possono provocare forme sia ereditarie che acquisite, di queste ultime spesso non è possibile rilevare un preciso fattore scatenante per cui si parla comunemente di anemia aplastica idiopatica. Per approfondimenti personali si rimanda alla lettura di http://www.leucociti.it/sindromi-mielodisplastiche-cause-e-diagnosi/.

Pubblicità

Approccio terapeutico

anemia aplastica

anemia aplastica

Il soggetto palesa dei sintomi evidenti nel caso venga colpito da una grave forma di anemia associata a trombocitopenia in questo caso oltre a manifestare a livello cutaneo petecchie, associate a frequenti episodi di emorragie, il paziente è esposto a ricorsive infezioni da imputare alla persistente condizione di leucopenia. Tra i metodi diagnosi che permettono di risalire al quadro clinico dell’anemia aplastica ci sono le analisi del sangue che permettono di rilevare il calo dei precursori delle tre principali filiere proliferative nel midollo osseo a cui si associa una forma di pancitopenia periferica; si ricorre alla biopsia del midollo osseo per formulare una diagnosi più sicura dell’anemia aplastica. Il paziente colpito da questa forma di anemia viene sottoposto ad uno specifico trattamento basato sul grado di citopenia e può essere suddiviso in primario e di supporto, si imposta una terapia di supporto per migliorare la sintomatologia, in questo caso si eseguono trasfusioni oppure si somministrano degli antibiotici; per quanto riguarda invece il trattamento primario è necessario ricorrere ad un trapianto di midollo osseo oppure si somministrano al soggetto dei farmaci immunosoppressori in combinazione con ciclosporina.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *