Acido retinoico effetto anti-tumorale

Comment

Altri articoli

Acido retinoico effetto anti-tumorale

Diversi studi sperimentali hanno cercato di formulare una soddisfacente cura contro alcuni tumori puntando sulla trasformazione delle cellule cancerogene in globuli bianchi, alcuni dati hanno rivelato come l’acido retinoico sia in grado di aiutare le cellule tumorali a diventare granulociti. L’effetto anti-tumorale dell’acido retinoico, derivato attivo della vitamina A, è stato testato da uno studio finanziato dall’Associazione Italiana per la Ricerca contro il Cancro (AIRC), i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista internazionale EMBO Molecular Medicine. Lo studio multi-disciplinare ha evidenziato che circa il 70% dei modelli cellulari di carcinoma della mammella di tipo luminale, e più precisamente i tumori caratterizzati da positività al recettore degli estrogeni, si dimostrano sensibili all’acido retinoico che agisce da agente anti-tumorale. Più precisamente l’effetto anticanceroso viene mediato da un recettore specifico dell’acido retinoico (RARα), in più è in grado di identificare diversi geni che collaborano tra loro per inibire la risposta dei diversi tipi di carcinoma mammario allo stesso acido retinoico. In ambito diagnostico, questa componente genetica può essere impiegata per facilitare la selezione di pazienti che possono essere sottoposti a dei trattamenti personalizzati con acido retinoico. Per approfondimenti si rimanda alla lettura di http://www.marionegri.it/Acido+retinoico+e+tumore+al+seno/78699,News.html.

Gli elementi che restano ancora da identificare

acido retinoico

acido retinoico

L’effetto anti-tumorale dell’acido retinoico era stato già notato nel trattamento della leucemia acuta promielocitica evidenziando la sua specificità rispetto ai tradizionali chemioterapici, e seguendo questa strada i ricercatori sono riusciti ad avvalorare l’azione anti-tumorale di questa sostanza. Di fatto l’acido retinoico è stato sottoposto a tante indagini nel contesto di studi che hanno comprovato l’efficacia di questa sostanza nei confronti del carcinoma della mammella e di altri tipi di tumori. La futura sperimentazione scientifica deve ancora evidenziare come i vari tipi di carcinoma mammario rispandono all’acido retinoico, si deve quindi avviare la corretta identificazione dei sottotipi di tumore del seno sensibili a questo effetto anticanceroso.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.