• Pubblicità
  • Cellule linfoidi innate: quale ruolo svolgono

    Cellule linfoidi innate: quale ruolo svolgono Un gruppo di ricerca dal Dipartimento della Biomedicina all’Università ed all’Ospedale Pediatrico dell’Università di Basilea ha condotto uno studio, pubblicato nel giornale scientifico PNAS, che ha portato alla scoperto nell’appendice la presenza di specifice cellule immunitarie, si tratta delle cellule linfoidi innate (ILCs), il cui compito principale è quello […]
    Continua..
  • Malattie tromboemboliche biosimilare dell’enoxaparina sodica

    Malattie tromboemboliche biosimilare dell’enoxaparina sodica In Italia è stato approvato un nuovo trattamento di malattie tromboemboliche, si tratta del primo biosimilare dell’enoxaparina sodica, messo in commercio con il marchio Inhixa, principio attivo che potenzia l’effetto dell’antitrombina III, cooperando ad inibire la formazione di nuovi coaguli. La sicurezza ed efficacia del biosimilare è stata dimostrata da […]
    Continua..
  • Leucemia linfatica cronica quadro patologico

    Leucemia linfatica cronica quadro patologico A causa di anomalie tumorali dei linfociti o delle cellule che normalmente producono linfociti si sviluppa una condizione patologica come la leucemia linfatica cronica (LLC), questa neoplasia ematologica provoca un accumulo di linfociti nel sangue, nel midollo osseo, nei linfonodi e nella milza. Il quadro patologico si evidenzia con la […]
    Continua..
  • Sindrome monoMAC: come si evidenzia

    Sindrome monoMAC: come si evidenzia I soggetti colpiti da deficit di monociti possono sviluppare una rara condizione patologica autosomica dominante associata a monocitopenia, linfopenia delle cellule B, linfopenia delle cellule NK, definita sindrome monoMAC: questo quadro patologico di recente scoperta dipenderebbe dalla presenza di mutazioni multiple nel GATA2 o meglio di un difetto genetico che […]
    Continua..
  • Blasti patologici leucemie

    Blasti patologici leucemie Il quadro clinico delle leucemie acute dipende dall’alta concentrazione di blasti patologici che si accumulano a livello del midollo osseo, questa alterazione determina il danneggiamento della differenziazione e proliferazioni delle normali filiere ematopoietiche da cui si generano le seguenti cellule ematiche: eritrociti, leucociti, megacariociti. Nello specifico i blasti rappresentano delle cellule immature, […]
    Continua..
  • Fattori di stimolazione della colonia granulocitaria: Lenograstim

    Fattori di stimolazione della colonia granulocitaria: Lenograstim Un farmaco antineoplastico immunostimolante come il Lenograstim fa parte della famiglia farmacologiaca dei cosiddetti fattori di stimolazione della colonia granulocitaria, per questo motivo viene prescritto a quei soggetti che soffrono di neutropenia nel contesto di una neoplasia non mieloide che sono sottoposti a terapia mieloablativa seguita da trapianto […]
    Continua..
  • Le capacità del fattore di crescita derivato dalle piastrine

    Le capacità del fattore di crescita derivato dalle piastrine Si definisce fattore di crescita derivato dalle piastrine (PDGF – Platelet-Derived Growth Factor) una citochina ossia una proteina prodotta principalmente dalle piastrine ed in minor misura da altre cellule, il cui compito principale è quello di stimolare la proliferazione delle cellule endoteliali e muscolari dei vasi, […]
    Continua..
  • Sindromi mieloproliferative come si evidenziano

    Sindromi mieloproliferative come si evidenziano Vengono classificate come sindromi mieloproliferative alcune malattie neoplastiche a carico del sistema emopoietico dovute ad un’alterazione della produzione di cellule mature oppure immature delle linee mieloidi (granulo-monocitica, piastrinica, eritrocitica). Queste malattie del sangue di tipo neoplastico hanno origine dalle cellule staminali malate che funzionano in modo anomalo e causano una crescita […]
    Continua..
  • Linfociti modificati geneticamente: terapia anticancro

    Linfociti modificati geneticamente: terapia anticancro Uno studio del San Raffaele di Milano ha individuato nei linfociti modificati geneticamente e trasformati una preziosa arma per impostare una terapia anticancro. Anche se la ricerca si è concentrata sulle leucemie, è stata individuata la possibilità di poter applicare questo approccio terapeutico anche ad altre forme di cancro avvalendosi […]
    Continua..